Danilo and Rita – Il volontariato

Study the transcript of this episode as a lesson on LingQ, saving the words and phrases you don’t know to your database. Here it is!

All around the world people give their time to charity, work that is often essential. (In tutto il mondo le persone danno il loro tempo libero per opere di beneficenza, che spesso sono essenziali. Ma le organizzazioni che gestiscono il lavoro di volontariato spesso sfruttano le persone per ottenere vantaggi privati.)

Allora oggi vai ancora a fare la Crocerossina?

Si, sono seccatissima perché devo andare in divisa e questa divisa è il trionfo della stupidità, perché è una divisa militare uguale a se stessa da cento anni ma tanto stupida, ma tanto stupida.

Al di la del fatto che c’è questo velo scomodissimo che non aiuta certo nelle circostanze tragiche in cui la Crocerossina potrebbe muoversi in tante occasioni, ma tutta la divisa è appiccicata con il bi-adesivo.

Allora, il velo, bisogna mettere o delle forcine o del velcro per appiccicarlo a un frontino, a una specie di scudo di plastica che ti taglia la fronte, dietro devi fissarlo con una mollettina, è questo è il velo!

Poi, nota bene, che nel tempo lo spostano in su, lo spostano in giù, ti dicono che lo devi fissare in un modo o nell’altro.

Non c’è nessun modo intelligente per fare un cappellino che lo metti su e stop.

Lo stesso vale per la divisa, allora la croce la devi appiccicare con il velcro le mostrine militari non c’è nessun passante che le leghi alla divisa.

Quindi, o le appiccichi con il velcro oppure fai dei passanti tu, però questi passanti poi si vedono se non usi le mostrine, perché non le devi usare sempre, e via discorrendo.

Cioè non c’è in cento anni non sono riusciti a fare una divisa, e nota bene che la stessa divisa d’estate, d’inverno è sempre cotonina e puoi crepare dal freddo ma la divisa è quella lì.

Hai capito?

Cioè i militari a me sembra che abbiano le loro belle divise robuste, queste qui sono appiccicate con lo scotch!

Possibile che in cento anni non siano ancora riusciti a trovare una divisa funzionale?

Ho capito ma scusa una cosa: come mai hai deciso di ritornare a fare la Crocerossina?

È una cosa che facevi quando eri giovane?

Ah, grazie!

Posso capire, no!

È questo cioè che non riesco a capire, ma non ….

Cioè si può fare del volontariato nella Croce Rossa, tipo medico, infermiera o altre cose dove non sei vincolata a questa divisa che, appunto, è assurda e antica.

Infatti tu stessa mi dici che in cento anni non l’hanno mai cambiata, mah, oggi come oggi ad esempio fare del volontariato nella Croce Rossa lo si può fare tranquillamente anche con gli abiti normali, è proprio necessario avere quella divisa?

Posso capire quando si fanno le cerimonie, le parate che si è a livello militare, ma durante il lavoro normale basterebbe un camice come ce li hanno i medici, come ce li hanno le infermiere, magari fatto bene, magari un po’ particolare ma non così strozzato come questa divisa qua!

E, lo so, d’altra parte il compito della Crocerossina è molto diverso da quello da quello degli altri volontari della Croce Rossa, quindi se vuoi occuparti del paziente in modo diretto non puoi fare il volontario del soccorso, il pioniere, o le altre figure che ci sono all’interno della Croce Rossa, quindi se vuoi fare quel tipo di servizio, che è quello che piace a me, devi per forza metterti addosso questa stupida divisa.

Comunque al di la di quello l’altra cosa che sempre mi preoccupa è il ruolo del volontariato, ossia è bellissimo che ci sia il volontariato ma non è giusto che sia così necessario, almeno soprattutto in Italia dove mancano le strutture mancano… manca il personale e in tantissime circostanze c’è bisogno dell’iniziativa dei singoli.

E, infatti, è questo che non capisco, cioè l’Italia sta in piedi, soprattutto per queste cose, Croce Rossa e tutte le varie Croci che prestano soccorso, soltanto esclusivamente dal volontariato.

La Croce Rossa forse è l’unica che ha anche del personale pagato, ma sono pochissimi quelli che vengono pagati come servizio di croce rossa, tutto il resto è fondamentale l’utilizzo dei volontari.

Sono loro che, praticamente, tengono in piedi la Croce Rossa.

Questi poverini che lavorano gratuitamente dedicano tutto il loro tempo libero e non prendono niente, non gli danno neanche il mimino di divisa, non gli danno il minimo di supporto.

È questo che non riesco a capire.

Anch’io sono stato nella Protezione Civile e anche lì bisognava metterci proprio tutto di tasca nostra.

Qualcosa veniva rimborsato, come i viaggi, la benzina ma erano proprio piccolissime cose in confronto a tutto quello che dovevi dare.

Mah, questo succede un po’ in tutto il mondo, tant’è vero che mi sembra di aver capito che negli Stati Uniti questi ospedali in cui possono accedere senza assicurazione sanitaria le persone, sono ospedali messi in piedi con fondi privati che funzionano grazie al lavoro di medici e infermieri volontari.

Questo potrebbe fare parte del gioco, quello che è brutto è che le istituzioni si basino pesantemente sull’attività del volontariato e non parlo solo dal punto di vista sanitario dico anche dal punto di vista sociale.

Ci sono tantissime organizzazioni sociali che lavorano nel sociale e sono di tipo su base volontaria.

È questo che è sbagliato!

Il volontario dovrebbe supportare l’azione dell’istituzione ma non sostituirla, invece noi siamo messi così male che senza i volontari tante situazioni non avrebbero nessuno che se ne occupa.

E questo non vale solamente in Italia, tu pensa solamente alle organizzazioni non governative che lavorano nel terzo mondo, sono tutte su base volontaria ma se non ci fossero quelle sarebbe un disastro.

Beh, posso capire, appunto, quelle che lavorano all’estero tipo in Africa e nei paesi sottosviluppati, ma in Italia ovviamente lo Stato dovrebbe pensarci mentre certamente così gli fa comodo perché ha una schiera di persone che non deve assolutamente pagare e ha il servizio gratuito.

Che cosa vuoi di più?

Lo Stato ragiona in questo modo, perché pagare una cosa quando la si può ottenere gratuitamente, è purtroppo così che i politici ragionano.

Mentre invece almeno la parte della Croce Rossa dovrebbe essere un’istituzione dello Stato ben sovvenzionata e anche le persone che ci lavorano avere almeno un minimo di diaria, di qualche cosa, invece qui proprio niente di niente.

Persino i corsi uno se li deve pagare, questo è l’assurdo!

Si, quello che è ancora peggio è che non è esattamente come dici, in realtà i volontari si auto-supportano, si auto-sovvenzionano, si pagano i corsi, le divise, i viaggi perché non è vero che i viaggi sono pagati se non in rarissime occasioni e… ma invece i dirigenti quelli viaggiano super spesati, in prima classe, classe business stanno per giorni in hotel a cinque stelle e così via.

Spesso in situazioni completamente inutili tipo congressi che non servono a nessuno, riunioni che non portano a nulla, e così via.

Questo succede nella Croce Rossa e succede però in tutti gli organismi di questo genere.

Guarda ad esempio l’UNICEF di cui si sa che solamente l’uno percento dei fondi che arrivano volontariamente dalla gente di tutto il mondo vanno ai bambini.

Tutto il resto serve al novantanove percento serve solamente per finanziare l’UNICEF stessa, il che è assurdo tenendo conto del fatto che i dirigenti dell’UNICEF sono strapagati.

Questo è l’assurdo!

Cioè è un carrozzone gigantesco che si auto-sostenta con i soldi della popolazione mondiale.

Eh, questa è una vergogna, d’altronde sappiamo che la casta, questo c’è ovviamente in tantissimi posti e non si può fare altrimenti, questi sono loro che dirigono la faccenda e automaticamente sono loro che intascano i soldi, poi invece i volontari sono invece quelli che effettivamente lavorano e che apportano proprio dei benefici alla gente e alla popolazione.

Questi, invece, sono dei grossi papponi che pensano solo a se stessi e si mettono in tasca i soldi e basta!

Questo è veramente vergognoso!

Si, lo so ci sono tanti problemi.

Leave a Comment

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s